SFA.0002.180 SFA.0002.180
search

Nduja di Spilinga in Vasetto di Vetro

Peso netto: 180 g
Ultimi articoli in magazzino


Italia

Calabria
Descrizione

La 'Nduja è un salume tipico di di Spilinga, è prodotta con carne di maiale e peperoncino piccante calabrese. La 'nduja in vasetto viene prodotta usando quella già stagionata nel classico budello naturale, detto "orba". Si apre la orba, si rimacina l'impasto e  per ottenere una consistenza omogenea e cremosa e si aggiunge olio di oliva.

La crema che si ottiene è estremamente versatile; il confezionamento in vasetto è perfetto per il consumo moderno, pratico e veloce.

COD: SFA.0002.180
EAN: 8052570771059
Valori nutrizionali
Valori medi per 100 gr
Energia
465 kcal - 1897 kJ
Grassi
35 g
di cui saturi
12 g
Carboidrati
14,8 g
di cui zuccheri
0,2 g
Proteine
20,3 g
Fibre
14,6 g
Sale
1,2 g
Ingredienti

Grasso e carne suina allevati in Italia, Peperoncino (30%), Sale

Consigli e curiosità del tomolo

Non tutti sanno che il nome 'NDUJA deriva dal Francese "andouille", un'antica salsiccia piccante, a base di trippa e interiora di suino che pare Gioacchino Murat, durante il suo regno a Napoli (1806-1815), abbia distribuito gratuitamente ai giovani del ceto popolare, i famosi "lazzaroni di Napoli" per ingraziarseli e ottenere i loro favori.

Oggi gli ingredienti si sono stati ingentiliti e affinati, sono stati sostituiti con semplici tagli di maiale, come il guanciale, la pancetta, il lardello.

La nduja è molto apprezzata anche negli Stati Uniti, in particolar modo nella Louisiana e a New Orleans.  

Potrebbe interessarti

La 'nduja di Spilinga in cucina

Sembrava impossibile trovare in cucina un insaccato che si prestasse ad essere utilizzato in infiniti modi; la nduja, invece, ha vinto la sfida diventando un ingrediente essenziale per tante preparazioni in cucina, grazie alla sua versatilità.

La nduja si usa infatti per:

  • insaporire sughi;
  • condire pizze;
  • accompagnare formaggi stagionati;
  • arricchire zuppe di legumi

L'uso più classico è sul crostino di pane, che suggeriamo di grano duro con una mollica consistente, leggermente tostato affinché la 'nduja spalmata si sciolga leggermente così da ammorbidire il pane e il piccante venga esaltato e amplificato in bocca.