VST.0211.0350 VST.0211.0350
search

Rapa Catozza in Olio Extra Vergine d'Oliva

Azienda Agricola Bruno Sodano
4,30 €
Tasse incluse

Peso netto: 350 g
Peso sgocciolato: 240 g

 Trattandosi di produzione artigianale e stagionale, questo prodotto è temporaneamente non disponibile.

Italia

Campania
Descrizione

"Friarielli" per i partenopei o "vruoccoli" per gli irpini, ma per tutti sono le cime di rapa, queste provengono dalle "Rape Catozze" che hanno un bulbo interrato che assomiglia molto alla barbabietola da zucchero.

COD: VST.0211.0350
EAN: 8052570770786
Valori nutrizionali
Valori medi per 100 gr
Grassi
4,8 g
di cui saturi
0 g
Energia
58 kcal - 242 kJ
Carboidrati
1,3 g
di cui zuccheri
0,6 g
Sale
0,2 g
Fibre
2,5 g
Proteine
2,6 g
Ingredienti

Rapa Catozza, olio EVO origine italiana, aglio, peperoncino

Consigli e curiosità del tomolo

La rapa catozza è una PAT  “Prodotto agroalimentare tradizionale”, una varietà tardiva, coltivata principalmente nel napoletano e nell’agro nocerino sarnese.

Si raccoglie tra ottobre e gennaio, apprezzata per il “friariello“, l’infiorescenza che reca in cima, è più saporita, ha un gusto aromatico e amarognolo molto più marcato, della cime di rapa, di cui può essere considerata la sorella più chic. 

Del friariello si prendono solo le cime, quelle più tenere ed appena un po’ di gambo, che deve essere tenerissimo, viene lavorato entro le 24 ore dalla raccolta per garantirne il gusto e la consistenza della verdura fresca. Conserva sott'olio extravergine, buona e sfiziosa, ottima per golosi panini alla piastra o come contorno ai piatti di carne  

Ideali negli antipasti misti con carni rosse o bollite a crudo sulla pizza, nei calzoni

Le cime di rapa sott'olio sono una specialità meridionale, un contorno di verdure saporito ed apprezzatissimo in tutti i contesti. Queste godono di fortissime proprietà nutrizionali, infatti contengono proteine, vitamine, ferro e vari sali minerali, ciò le rende tra le verdure più nutrienti e complete della natura.

Come preparare le cime di rapa sott'olio

Anche la preparazione è semplice e se fatta nel modo corretto permette di poter conservare questa pietanza anche sulla lunga distanza:

  • Lavare le cime di rapa ed eliminare le foglie esterne dure o rovinate;
  • Lavare i peperoncini e tagliarli a fettine;
  • Tagliare le acciughe a pezzetti piccoli e sbucciare l’aglio;
  • Mettere in cottura le cime di rapa in un tegame con i bordi alti con acqua e aceto per 10 minuti circa;
  • Stenderne il risultato su carta assorbente da cucina;
  • Asciugate le rape, metterle in una coppa e condirle con peperoncino, aglio, acciughe e olio e lasciare tutto a riposo per due ore;
  • Procedere con l’inserimento delle rape nei vasetti e alternare verdure e olio, lasciando uscire tutte le bolle d’aria;
  • Lasciare un cm d’olio fino al bordo e lasciare aperti i vasetti per un’ora;
  • Dopo un’ora, chiudere ermeticamente i vasetti e riporli in una dispensa asciutta o in cantina e attendere minimo due settimane prima di consumare il prodotto finale.

Come abbinare le cime di rapa sott'olio?

Sono ottime se affiancate a bruschette, piadine o friselline per un antipasto, oppure si sposano bene in un primo piatto con determinati tipi di pasta (gnocchi napoletani, maccheroni, ecc.) e ancora con focacce, pizze o svariati tagli di carne per accompagnare un secondo.

Vieni a scoprire la nostra selezione di pasta artigianale, scelta accuratamente per dare un tocco di genuinità in più alle tue ricette.

Lo sapevi che…

Nella tradizione napoletana le cime di rapa sott'olio si chiamano “friarielli napoletani” e si differenziano dalle classiche cime di rapa perché sono più sottili e più teneri. Le storie di quartiere narrano due versioni sull’etimologia di questo nome: nella prima il nome deriverebbe dallo spagnolo “frio-gelos”, letteralmente “broccoli invernali”, nella seconda versione il nome deriva dal verbo napoletano “frijere” (friggere), a causa della preparazione in padella.

Potrebbe interessarti

i nostri produttori

gli eroi di questa storia!

I prodotti Il Tomolo derivano solo da comunità piccole, radicate nel territorio, quelle storie belle che ti viene voglia di raccontare...
i nostri produttori
i nostri produttori
i nostri produttori