ITT.0010.0250 ITT.0010.0250
search

Colatura di Alici di Cetara Formato Grande

Nettuno
21,90 €
Tasse incluse

Bottiglia da 250 ml
2022-04-03


Italia

Campania
Descrizione

La colatura di alici di Cetara è una salsa dal sapore intenso e dall'odore pungente, creata da una paziente lavorazione delle alici appena pescate, prodotta ancora oggi secondo la tradizione dei pescatori cetaresi.

Bottiglia da 250 ml

COD: ITT.0010.0250
EAN: 8052570770021
Ingredienti

Alici (90%), Sale (10%)

Consigli e curiosità del tomolo

L'alice è molto comune nei nostri mari: per buona parte dell'anno vive vicino alla costa, soprattutto durante il periodo riproduttivo (Aprile-Settembre), mentre nelle stagioni fredde si sposta a profondità maggiori.

Dal Garum alla moderna colatura di alici di Cetara

La ricetta della colatura di alici, da sempre presente nella tradizione culinaria, fu sommariamente descritta da Plinio e Orazio e conosciuta come Garum.

Nel Medioevo un gruppo di monaci di Cetara ne recuperarono l’antico procedimento.

Era il 1807, quando il frate francescano Nicola Colummella Onorati, realizza un documento per codificare “tutte le pratiche utili per la gestione delle cose domestiche dei paesi costieri”, nasce così la ricetta per la colatura di alici.

Come tante ricette che oggi fanno parte della cucina gourmet, anche la colatura nacque come prodotto povero, era infatti un surrogato del pesce fresco, da utilizzare nei mesi invernali, quando la pesca era scarsa e difficoltosa.

La lavorazione e la maturazione, una lunga tecnica di affinamento  

Le alici vengono messe in una piccola botte, il terzigno, e sistemate con la classica tecnica ‘'testa-coda'' a strati alterni di sale e pressate da un disco di legno sul quale vengono sistemati dei pesi.
Il liquido secreto dalle alici con la maturazione, comincia ad affiorare in superficie, viene raccolto in grandi bottiglie di vetro ed esposto al sole per circa quattro o cinque mesi, perché evapori l'acqua e aumenti la concentrazione.

Tra la fine del mese di ottobre e gli inizi di novembre, tutto è pronto per l'ultima fase, la spillatura, che solitamente richiede almeno 3 anni.

Il liquido raccolto viene versato nuovamente nel terzigno dove le alici sono rimaste in maturazione, colando lentamente attraverso i vari strati dei pesci, ne raccoglie il meglio delle caratteristiche organolettiche.
Il liquido recuperato attraverso un foro praticato appositamente nel terzigno, viene trasferito in un altro recipiente e filtrato con l'uso di teli di lino, chiamati cappucci.

Il risultato finale è un distillato limpido di colore ambrato carico, quasi bruno-mogano, dal sapore deciso e corposo.

Per preservare queste tecniche e per certificare l’unicità del prodotto, nell’ottobre 2020 alla colatura di alici di Cetara e stato ufficialmente riconosciuto il marchio DOP.

La colatura è il tradizionale condimento per gli spaghetti delle vongole, oltre che per le bruschette, i broccoli di Natale e verdure lesse o grigliate.

Spaghetti con Colatura di alici di Cetara

Gli spaghetti con colatura di alici di Cetara DOP sono un piatto tipico della tradizione della costiera amalfitana; una pietanza veloce ed appetitosa, molto facile da realizzare dal risultato eccezionale.

Ingrediente principale è la colatura di alici di Cetara , un prodotto molto pregiato, esalta i sapori di ingredienti semplici.

Ingredienti per 4 persone

Spaghetti artigianali ad archetto                              350 g

Colatura di alici di Cetara Nettuno                           4 cucchiai

Olio extravergine di oliva cultivar Ascolana Tenera  6 cucchiai

Aglio                                                                         1 spicchio

Filetti di alici di Cetara Piccanti                                4 filetti

Prezzemolo Fresco                                                  q.b.

Preparazione

Far cuocere gli spaghetti in abbondante acqua non salata o poco salata per 8 minuti (devono essere molto al dente) mentre gli spaghetti si cuociono, in una Padella fai soffriggere l’aglio e i filetti di alici piccanti fino a che le alici non sono disfatte.

Con un mestolo prendi-spaghetti prelevare gli spaghetti molto al dente e metterli nella padella e terminare la cottura in padella aggiungendo un po’ di acqua di cottura per la mantecatura questo favorirà la formazione di un sughetto cremoso.

A fuoco spento aggiungere la colatura di alici saltando il tutto, impiattare e aggiungere sui piatti una generosa manciata di prezzemolo tritato fresco

i nostri produttori

gli eroi di questa storia!

I prodotti Il Tomolo derivano solo da comunità piccole, radicate nel territorio, quelle storie belle che ti viene voglia di raccontare...
i nostri produttori
i nostri produttori
i nostri produttori